IT | EN

"LE PALE SOREL? UN'IDEA VINCENTE. E TUTTA ITALIANA"

1

Una multinazionale leader a livello mondiale nella tecnologia per l'azionamento e il controllo del movimento e un'azienda lombarda hanno unito le forze e hanno trasformato un'idea vincente in un prodotto ad altissima innovazione tecnologica. Massimo Raggi, responsabile Commerciale OEM Nord-Ovest di Rexroth-Bosch Group, illustra l'importanza della sinergia fra le due società.   Com'è iniziata la collaborazione con Sorel nel progetto delle pale eoliche? Sorel si presentò a noi diversi anni fa con un'idea assolutamente innovativa per la realizzazione di questo progetto. Non c'era una letteratura tecnica utile a cui fare riferimento per costruire un impianto di quel tipo. Il presupposto fu l'utilizzo di un nostro schema classico. Su alcune nostre architetture – driver e motore - abbiamo la possibilità di recuperare l'energia che un motore produce in fase di rallentamento, convertendola da meccanica a elettrica e rifasandola per la rete. Questo fu il punto di partenza da cui nacque tutta l'applicazione che oggi abbiamo davanti ai nostri occhi. Ora siamo giunti al momento dell'installazione delle pale che utilizzano proprio questa tecnologia.   Quali risultati ha prodotto il rapporto di partnership fra Bosch Rexroth e Sorel? Solo ed esclusivamente grazie a questo legame possiamo vedere realizzata quella che fino a pochi anni fa era soltanto un'intuizione. Un'applicazione di questo tipo, al di là della tecnologia e delle competenze delle singole aziende, è nata grazie alla sinergia fra le due società. L'idea che Sorel ci illustrò è stata talmente vincente che la nostra casa madre, in Germania ha espresso interesse per questo progetto. Anche i colleghi statunitensi sono interessati ad una analisi di dettaglio per un auspicabile orientati al suo utilizzo sul mercato nordamericano. Sorel ci dimostra che un'ottima idea italiana può essere apprezzata a livello internazionale.   Qual è l'importanza della Green economy per la vostra società? Bosch Rexroth dedica da sempre un'elevata attenzione alla sostenibilità ambientale. Negli ultimi anni questa sensibilità è cresciuta ulteriormente, anche grazie all'esperienza sviluppata con Sorel.   Qual è il suo punto di vista sulla collaborazione fra aziende e università? Bosch rexroth ha un legame strettissimo con l'università. Ricerca e sviluppo non potrebbero essere realizzati e portati avanti senza una partnership con gli atenei. A livello italiano generalmente non abbiamo un rapporto diretto con gli istituti. Puntiamo su una relazione a tre fra noi, il costruttore che realizza l'applicazione e l'istituto universitario che garantisce una consulenza ad altissimo livello tecnico. Anche nel caso di Sorel il ruolo del Politecnico di Torino è stato fondamentale nella realizzazione del pacchetto complessivo.

  • OTTO PROPOSTE D’INVESTIMENTO IN SARDEGNA

    Sorel, in primavera soffia il vento dell’innovazione con otto proposte di investimento in “pronta consegna”. In questi giorni la nostra società mette a disposizione dei clienti opportunità di business ecosostenibile in Sardegna

    >> CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA

  • SOREL AL FORUM DELLE ENERGIE RINNOVABILI

    A Rho un interessante dibattito sul futuro del settore

    >> CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA

  • «SOREL E POLITECNICO UNITI PER L'INNOVAZIONE»

    Intervista a Piero Gilli, professore del Dipartimento di ingegneria meccanica e aerospaziale del Politecnico di Torino.

    >> CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA

  • "LE PALE SOREL? UN'IDEA VINCENTE. E TUTTA ITALIANA"

    Intervista a Massimo Raggi, responsabile del Settore industriale di Rexroth-Bosch group

    >> CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA

  • CHIAVENNA, IL VENTO DI SOREL SOFFIA SULL'ITALIA

    L'energia del vento soffia più forte della crisi. E stavolta ha un nome tutto chiavennasco. Si chiama Sorel, proprio come il soffio di aria che esce dai crotti, l'azienda fondata da Stefano Antinori, imprenditore di Chiavenna, ..

    >> CONTINUA A LEGGERE LA NOTIZIA